due “piccole tragedie” di puškin


Nell’estate del 1830 Puškin si ritira nella tenuta di Bòldino. Il breve soggiorno estivo si trasforma in una sorta d’esilio: un’epidemia di colera è scoppiata in quel tempo a Mosca. Questa situazione – non nuova nella storia della letteratura – è per Puškin fonte d’ispirazione e fertile d’attività: scriverà a un amico dello «splendido autunno di Bòldino», enumerandogli i frutti del suo scrivere. Tra essi vi sono le due ‘piccole tragedie’ contenute in questo volume: Mozart e Salieri (origine della leggenda sull’omicidio di Mozart da parte di Salieri, pubblicato da IkonaLíber anche nella collana Janus) e L’invitato di pietra, che riprende il mito letterario di Don Giovanni.
Edizione a stampa con testo russo a fronte. Edizione e-book con testo russo raggiungibile da quello italiano e viceversa, cliccando sui nomi dei personaggi, dialogo per dialogo.
Traduzione inedita di Marialidia Rossi. A cura di Fabrizio M. Rossi.

http://www.ikona.net/aleksandr-s-puskin-piccole-tragedie/

_