messaggi commoventi per zebre

    
pensa che l’ha scritto pascal, avvertimento. in un giorno della settimana, pensa che anche pascal aveva dei giorni della settimana, in cui metteva immediatamente una cosa o l’altra. arrivava alla fine e c’era questa formica sul davanzale. il cristallo o la lima di catrame.
lo denominerà?
troppa giungla, il fuori dentro. poi era catatonico. ma sta comportandosi così, sorte avversa e vagamente angolata, sempre a lamentarsi di o su mandrake. sul poco combustibile. in ogni modo, della carne rossa per aprile o marzo, tra i bollettini di aprile, è già molto come adesivo sui colli.
dodici anni fa potevano essere le droghe (la mente pensa “il partito, il partito”, a una o due settimane dal sottopasso, e si distende). matematicamente slittano verso modelli a spirale. si può prevedere una sottoclasse, poi più niente. più sotto di così è dura.
   


promemoria: OGGI, 23 maggio, a Roma: IN REBUS alla libreria Koob

a Roma, mercoledì 23 maggio, alle ore 18:00
presso la Libreria Koob
via Luigi Poletti 2 (davanti al Maxxi)

Cecilia Bello Minciacchi presenta il libro di poesie

in rebus

di Marco Giovenale

(Editrice Zona, 2012 – collana level 48)


*

“Giovenale installa i suoi prelievi linguistici nei percorsi di una percezione giostrata ai limiti dell’indicibile. Ma un’altra posta è in gioco. Il suo testo più ampio immerge in una parabola definita da margini mobili imprevedibili ma sempre decifrabili, giustificati. Sodaggio trasversale delle Memorie di Albrecht Dürer, disarticolazione e compressione di tessere che srotola un mosaico brulicante di percorsi città villaggi facce persone paesaggi ma soprattutto oggetti: quattro frecce di canna, un corallo bianco, cinque gusci di chiocciola, una borsa di cuoio, vesciche vuote, di calce, due pesciolini essiccati…

Wunderkammer dell’Europa che dopo l’America scoperta trasforma la sua percezione estetica in valore economico: il prezzo dell’oggetto, il suo commercio, l’accumulo delle merci, l’accumulo dei capitali. La prospettiva del rinascimento si sfalda, un altro immaginario lampeggia, un nuovo mondo si prepara a insorgere, a dominare, a frastagliare la realtà in entità commerciabili”.

Nanni Balestrini

*

su facebook:
https://www.facebook.com/events/451119334914268/ 

scheda:
http://www.editricezona.it/inrebus.htm

preview (file pdf 368 Kb):
http://www.editricezona.it/pdf%20per%20la%20rete/InrebusShort.pdf

tre frammenti da Camera di Albrecht letti (con una poesia di J.Ashbery) a RadioTre:
http://www.radio3.rai.it/dl/radio3/programmi/puntata/ContentItem-13a57551-6327-4bbe-8e17-9abc78f17fab.html?refresh_ce

podcast:
http://www.radio.rai.it/podcast/A42427657.mp3