Indice di settembre

scelta di pagine da slowforward di settembre:

 

leftwich+limongelli
John Ashbery, “Fiumi di ali”
“Segnare un secolo”, atti di convegno su Emilio Villa
repetita
!! Shampoo 31 !!
TEXT LOSES TIME by Nico Vassilakis
blackbox _ 2007 _ summer collisions
spiegando
Simic / L’Obliquo
PRIVATE n.38 : Stories from the USA
Romapoesia 2007
Su Jukka-Pekka Kervinen
La scoperta dell’America / Gherardo Bortolotti
Word for / Word _ issue # 12
Poesia da fare, n.25
“Apocalittici e imbranati”, di Andrea Pedrazzini
“Precondizioni per un discorso sul canone”, di Andrea Inglese
da ALTER EGO / Christophe Marchand-Kiss
Recensione di Stefano Raimondi
Il lavoro di Luca Bufano sui racconti di Beppe Fenoglio
submissions to gammm
Il mattino della sete…
Dalla Germania
5 months with THE FLUX I SHARE
API ! RAOS !
tx spid er
new webpage: by Linh Dinh
In absentia
lost and found
su remix_runran
10 settembre: “La gru”
Dubbio e narrazione: la coscienza del narrare
collab collab
goodreads

 

 

John Ashbery, “Fiumi di ali”

Per le edizioni L’Obliquo esce ora il libro Fiumi di ali, di John Ashbery.

Scelta di poesie tradotte da Damiano Abeni. Con un’acquaforte di Enzo Cucchi. Postfazione di Marco Giovenale.

ISBN 8888845555, cm 24 x 17, 35 pagine

§ § §

John Ashbery è nato a Rochester, nello stato di New York, nel 1927. Ha studiato ad Harvard e alla Columbia University. Ha pubblicato oltre venti raccolte di poesie, la più recente delle quali è A World Country (Ecco, 2007). Il suo primo libro, Some Trees (Yale University Press, 1956), venne scelto da W.H. Auden per lo Yale Youngers Poets Prize. Al volume Self-Portrait in a Convex Mirror (Viking Press, 1975) vennero assegnati tutti e tre i maggiori premi statunitensi per la poesia – il Pulitzer, il National Book Award e il National Book Critics Circle Award. Ha svolto un’intensa attività di critico d’arte, e un’ampia scelta delle sue “cronache artistiche” è stata raccolta nel volume Reported sightings (Knopf, 1989). Membro della American Academy of Arts and Letters e della American Academy of Arts and Sciences, è stato cancelliere dell’Academy of American Poets dal 1988 al 1999. Vincitore di numerosi premi e riconoscimenti sia nazionali che internazionali, ha ricevuto due Guggenheim Fellowships ed è stato un MacArthur Fellow dal 1995 al 1990. Nel 1992 l’Accademia Nazionale dei Lincei gli ha conferito il Premio Internazionale Feltrinelli per la Poesia e l’ha nomimato proprio “Foreign Member”. Sue opere sono state tradotte in oltre venti lingue. Dal 1990 è stato professore di Languages and Literature al Bard College. Abita a New York.

Edizioni l’Obliquo
Corso Magenta 45, 25121 Brescia
fax 030.802628, ccp 49222219

edizioni [at] edizionilobliquo.it

distribuzione nelle librerie:
DIEST
Via Cavalcanti 11, 10132 Torino
fax 011.8981164

“Segnare un secolo”, atti di convegno su Emilio Villa

 

SEGNARE UN SECOLO. Emilio Villa: la parola, l’immagine (Ed. Deriveapprodi, 2007)

Atti della giornata di studi tenutasi all’Università di Salerno il 23 novembre 2005, dedicata alla figura e all’opera di Emilio Villa.

Il libro

Su una cosa tutti i critici, gli amici, i conoscitori e gli estimatori dell’opera di Emilio Villa concordano: ha utilizzato la parola poetica come mezzo per ricreare un mondo o riportarlo alla sua origine. Da qui una continua ricerca che lo ha portato a frequentare campi vastissimi e apparentemente distanti fra loro: dall’arte primitiva allo studio dei testi sumero accadici, dall’immane fatica della traduzione della Bibbia a quella dell’Odissea, fino all’interesse per l’arte contemporanea in veste tanto di critico quanto di artista.
Con la straordinaria capacità creativa e la raffinata intelligenza di una delle principali figure del Novecento italiano si misurano gli interventi degli studiosi contenuti in questo saggio. Nel tentativo di restituire alla biografia e al lavoro di Emilio Villa quell’importanza che la cultura ufficiale gli ha così spesso negato.

Contributi di: Cecilia Bello Minciacchi, Aniello De Luca, Ugo Fracassa, Simonetta Graziani, Vincenzo Guarracino, Giancarlo Lacerenza, Antonio Pietropaoli, Gian Paolo Renello, Aldo Tagliaferri, Luigi Torraca

*

Indice

Presentazione
Gian Paolo Renello

Incontri e scontri esemplari nell’approccio villiano alla modernità
Aldo Tagliaferri

Emilio Villa e le uova di Babilonia
Simonetta Graziani

Villa traduttore della Bibbia ebraica
Giancarlo Lacerenza

L’Odissea di Emilio Villa
Luigi Torraca

Cyphra rebellis, cyphra cyprigna. Ribellione e seduzione nel latino deimaginativo di Emilio Villa
Cecilia Bello Minciacchi

Referti in forma di responsi. Sulla scrittura di Emilio Villa a proposito di Niger Mundus, seu Atomus Caecus
Vincenzo Guarracino

Emilio Villa: un poeta senza poetica?
Antonio Pietropaoli

Scandagliando l’abisso. Emilio Villa critico d’arte
Aniello De Luca

Villa in Ytalya
Ugo Fracassa

Il Labirinto della Sibilla
Gian Paolo Renello

Nota biografica degli autori

 


DERIVEAPPRODI
Piazza Regina Margherita 27, 00198 Roma
fax: 06-8554602
email: info [at] deriveapprodi [dot] org

 

 

repetita

Alla mia casella di posta elettronica arrivano molte informazioni, novità, annunci. Leggo tutto con attenzione. Non posso inserire che una percentuale ridotta di notizie in rete, a mia volta, specie in questa pagina: Slowforward pubblica un post al giorno, talvolta due (abbastanza raramente tre). Questo ritmo immagino rimarrà stabile anche nei prossimi mesi.

La maggior parte delle volte, i post semplicemente informativi che si susseguiranno d’ora in poi su Slowforward saranno assai semplificati nella grafica.

Mi arrivano talvolta comunicati di eventi, mostre, libri, incontri, letture, con miriadi di particolarità, colori, font, allineamenti.

In alcune occasioni mi sono occupato di farne editing, postando a mia volta (di caso in caso) anche su Flux, Poetic invention, e Absolute poetry. In altri momenti mi sono visto costretto a indicare un link e nulla più – considerando la lussureggiante selva dei codici html.

Ecco dunque l’avviso, in due punti:

1. Manterrò stabilmente il ritmo di inserimento qui su Slowforward (riducendo lievemente la presenza in altre sedi).

2. Per i post che non congegnerò direttamente io, non mi sarà d’ora in avanti più possibile svolgere lavoro di editing. Chi spedisce alla mia casella mail notizie e annunci, è pregato di farlo accludendo un file txt semplice, senza formattazione + un file txt completo di tutti i tag xhtml. Questo, se vuole che l’annuncio compaia con opportuna organizzazione grafica (sempre che questa sia compatibile con lo stile di Slowforward). Altrimenti, nel caso io pubblichi la notizia, si tratterà di scarna serie di righe senza formattazione alcuna (link inclusi).

Questo aiuta/aiuterà anche la percezione dello spazio web come pagina “di servizio”, se e dove non offre testi. Se offre semplici informazioni, non fa “pubblicità”, non calligrafa affiches. Semplicemente rinvia ad altro. Può farlo dunque con uno stile asciutto, lineare.

*

[ n.b.: questo post ricomparirà più volte nel corso del tempo ]