grazie a giovanna frene e a sergio rotino per le annotazioni su “delvaux”

delvaux_c

Sergio Rotino, nel comunicato relativo alla presentazione bolognese del 20 marzo, dedica a Delvaux una nota leggibile in formato pdf (con il comunicato stesso) qui: http://slowforward.files.wordpress.com/2014/03/20-marzo-2014-delvaux-_-ibs-bookshop.pdf

Giovanna Frene suggerisce una poesia da Delvaux in http://ipoetisonovivi.com/, dedicandole una nota leggibile a questo indirizzo: http://ipoetisonovivi.com/2014/03/18/giovanna-frene-consiglia-marco-giovenale/

_

in “testo a fronte”: filosofia e poetica della traduzione

da http://www.lerotte.net/index.php?id_article=325&PHPSESSID=a0487d4f368a8dc629cacf6d701aeaac

Si compie il ciclo di pubblicazioni nate dall’impulso del progetto europeo “Europe as a Space of Translation” (EST, EACEA 2007-2013) : dopo 

Tradurre (in) Europa. Poesia moderna al festival della traduzione, a cura di Monica Lumachi e Camilla Miglio, “Semicerchio” . Rivista di Poesia Comparata, XLV 2012

e
La resistenza dell’Antico, a cura di Maria Arpaia, “Semicerchio. Rivista di poesia Comparata”, XLVII 2013

e
Homelands in Translation
, a cura di Stefania De Lucia e Gabriella Sgambati (Cività del Mediterraneo, 23-24, 2013)

arriva in libreria 

Filosofia e poetica della Traduzione, a cura di Camilla Miglio e Marianna Rascente, “Testo a Fronte” 49, II, 2013

_

note on carlo bordini / nota su carlo bordini _ nail chiodo, 2014

Nail Chiodo on Carlo Bordini:

Within the modernist poetic tradition – that in which poets give up attending to prosody and more or less commit to print what first comes in their head(s) – the work of Carlo Bordini represents, as far as I know, a unicum of sorts by virtue of its systematic, often plodding but always consequential nature. Having followed his poetic development over the years, from Pericolo through Mangiare to his collected poems, I costruttori di vulcani – which are just that, the result of lifelong scrupulous sifting – I can say that, in the end, it is the systematic, coherently humanistic quality of his investigative/imaginative procedure that for me obtains. Should I ever fear of entirely losing track of my own thoughts, I know that I can always freighthop on Carlo’s wagon and that he will take me on a slow, reassuringly long ride till I get my senses back.

Nail Chiodo su Carlo Bordini:

All’interno della tradizione poetica modernista – quella in cui i poeti rinunciano a prestare attenzione alla prosodia e mettono alla stampa più o meno la prima cosa che viene loro in mente – l’opera di Carlo Bordini rappresenta, per quel che conosco, una sorta di unicum in virtù della sua natura sistematica, spesso faticosa ma sempre consequenziale. Avendo seguito il suo sviluppo poetico attraverso gli anni, da Pericolo, attraverso Mangiare fino alla sua raccolta I costruttori di vulcani – che sono proprio questo, il risultato di uno scrupoloso setacciare durato tutta una vita – posso dire che, alla fin fine, è la qualità sistematica, coerentemente umanistica del suo procedere investigativo/immaginativo quella che per me prevale. Se un giorno temessi di uscire completamente dai binari del mio pensiero, so che potrei sempre aggrapparmi al vagone merci di Carlo, che mi porterebbe in un lento, rassicurante, lungo percorso fino a ritrovare nuovamente i miei sensi.

*

Nail Chiodo is the translator of the ebook / Nail Chiodo è il traduttore dell’ebook
GESTURES / I gesti
di Carlo Bordini

http://www.editricezona.it/gestures.htm

su “semicerchio”: poesia del lavoro

English transl. below

È uscito il numero 48-49 (2013) di “Semicerchio. Rivista di poesia comparata”la cui parte monografica, che occupa 215 pagine del volume in formato grande (seguita da recensioni di poesia italiana, lituana, angloamericana, riviste e saggi), è dedicata al tema del Lavoro. Comprende contributi teorici e antologie critiche di testi poetici inediti  o mai tradotti in italiano, con la partecipazione di autori di tutto il mondo: Francia e paesi francofoni, Germania, Gran Bretagna, Repubblica Ceca, paesi ispanofoni, Italia, USA, Cina, con interventi sulla poesia dei migranti e sulla canzone.

Indice e copertina:
http://www.pacinieditore.it/?p=15810

Acquisto con sconto del 30%:
http://www.pacinieditore.it/?p=15797

*

Issue 48-49 (2013) of Semicerchio. Rivista di poesia comparata has been just published. Its monographic section, which runs to 215 large-format pages (followed by reviews of Italian, Lithuanian and Anglo-American poetry, literary journals and essays), is dedicated to poetry about work. It offers theoretical contributions and critical anthologies of poetical texts, including authors from France and French-speaking countries, Germany, the UK, the Czech Republic, Spanish-speaking countries, Italy, the USA and China; it also includes articles on migrants poets and songwriters.

A summary and the cover:
http://www.pacinieditore.it/?p=15810

Purchase at a 30% discount:
http://www.pacinieditore.it/?p=15797

§

cfr. anche / see also:
http://www.leparoleelecose.it/?p=13812

_

“gestures” / “i gesti” – di carlo bordini (ed. zona – quintadicopertina)

GESTURES

by Carlo Bordini
English Translation by Nail Chiodo
Preface by Francesco Pontorno
with Italian original texts and bilingual apparatus
ZONAQuintadicopertina 2013 - ISBN 9788864382968

Logosfere Series directed by Marco Giovenale
Italian Contemporary Poetry in English – read more >>>
http://www.editricezona.it/pdf%20per%20la%20rete/LOGOSFERE.pdf

This collection of texts explores the production of an author who defies, yet covers, all categories. A realist, yet fully a dreamer, he explores experimental writing, is at times lyrical, epigrammatic, classic and quotable. He is a playful poet, a portrait maker, a storyteller, an almost confessional dada. Is epic missing? Writing of him, Roberto Roversi says not. Bordini belongs to an indefinite but not wide number of mainly Roman authors who have practised complete syntactic freedom with craftsmanship and gentleness, and the quirky severity that gentleness implies, and a mode/tone of vigilant and political «loose writing».

Carlo Bordini (1938) was born and lives in Rome. He has been teaching Modern History at the University of Rome «La Sapienza», where he graduated in History of Family and Love. He published several poetry volumes. “Sasso” (Scheiwiller, 2008) and the extensive collection of poems “I costruttori di vulcani. Tutte le poesie 1975- 2010″ (Sossella, 2010) are among his more recent works. Some of his «Travel Notes on Poetry in South America» were published by Sossella in 2009 with the title “Non è un gioco”. He is also the author of “Pezzi di ricambio” (Empirìa, 2003), “Manuale di autodistruzione” (Fazi, 1998 and 2004), “Gustavo. una malattia mentale” (Avagliano, 2006), “I diritti inumani e altre storie” (La camera verde, 2009), and editor with others of “Dal fondo. La poesia dei marginali” (Savelli, 1978; reprinted by Avagliano, 2007) and “Renault 4. Scrittori a Roma prima della morte di Moro” (Avagliano, 2007). He has attended various international poetry festivals, especially in South America. His poems have been translated and published in different languages. Some of the texts featured here can be found in French in Olivier Favier’s website: http://dormirajamais.org/

For other informations in English about this eBook, visit >>>
http://www.editricezona.it/gestures.htm

In the same Series >>>
http://www.editricezona.it/thecompletefilms.htm

——–


I GESTI

di Carlo Bordini
Traduzione inglese di Nail Chiodo
Prefazione di Francesco Pontorno
con testo originale italiano e apparati bilingue
ZONA - Quintadicopertina 2013 - ISBN 9788864382968

Logosfere – Collana diretta da Marco Giovenale
Poesia italiana contemporanea in lingua inglese – il progetto >>>
http://www.editricezona.it/pdf%20per%20la%20rete/LOGOSFERE.pdf

Questa silloge di testi attraversa la produzione di un autore che sfugge a (ed è in) tutte le categorie note: è un realista, ma saldamente onirico, fa scrittura di ricerca, ma volentieri è lirico, o epigrammatico, ossia classico, citabile memorabile; è un poeta giocoso, un ritrattista, e narratore, un dada, ma quasi confessional. Gli manca l’epica? No, suggeriva Roberto Roversi scrivendo di lui. Bordini appartiene al numero indefinibile ma non amplissimo di autori che con maestria e dolcezza – e con il bizzarro rigore che la dolcezza implica – hanno praticato, specie a Roma, una felice libertà sintattica nel narrare, una modalità/tonalità di vigile e politica «loose writing».

Carlo Bordini è nato nel 1938 a Roma, dove vive. Ha insegnato Storia moderna presso l’università di Roma «La Sapienza», dove si è specializzato in storia della famiglia e dell’amore. Ha pubblicato diversi volumi di poesie. I più recenti sono Sasso (Scheiwiller, 2008) e l’ampia raccolta I costruttori di vulcani – Tutte le poesie 1975-2010 (Sossella, 2010). Alcuni appunti di viaggio sulla poesia in America Latina sono comparsi, con il titolo Non è un gioco, per Sossella nel 2009. Come narratore ha pubblicato i libri Pezzi di ricambio (Empirìa, 2003), Manuale di autodistruzione (Fazi, 1998 e 2004), Gustavo. Una malattia mentale (Avagliano, 2006), I diritti inumani ed altre storie (La camera verde, 2009). Ha curato, con altri, i volumi Dal fondo. La poesia dei marginali (Savelli, 1978; ristampato da Avagliano nel 2007) e Renault 4. Scrittori a Roma prima della morte di Moro (Avagliano, 2007). Ha partecipato a numerosi festival internazionali di poesia, soprattutto in America Latina. Sue poesie sono state tradotte e pubblicate in varie lingue. Alcuni dei testi qui proposti sono ospitati e tradotti in francese nel sito di Olivier Favier, http://dormirajamais.org/.

Per tutte le altre informazioni in Italiano su questo eBook >>>
http://www.editricezona.it/gestures.htm

Nella stessa collana >>>
http://www.editricezona.it/thecompletefilms.htm

———-

ZONA
Piazza Risorgimento 15 - 52100 Arezzo
telefono: 338 7676020
segreteria telefonica: 0575 081353
www.editricezona.it - info [at] editricezona.it
Silvia Tessitore: sitessi [at] tin.it

_