“la scoperta dell’america”, di gherardo bortolotti: sequenza in rete

2013, su gammm:
http://gammm.org/index.php/2013/05/09/la-scoperta-dellamerica-gherardo-bortolotti-2006-07/

2013, in Punto critico:
http://puntocritico.eu/?p=5400

2012, nel “verri” n. 48:
https://slowforward.wordpress.com/2014/02/08/verri48-2012/

2008, in bgmole.wordpress.com:
http://bgmole.wordpress.com/2008/09/30/la-scoperta-dell-america/

2007, su slowforward:
http://slowforward.wordpress.com/2007/09/19/g-bortolotti-la-scoperta-dell-america/

_

charles bernstein: un’intervista autobiografica

.enhttp://writing.upenn.edu/library/Bernstein-Charles-and-Loss-Pequeno-Glazier_Autobiographical-Interview_1996.pdf

.eshttp://www.transtierros.com/charles-bernstein-una-entrevista-autobiografica/

_

(replica) – Testi installativi

Ci si trova sempre a dovere ma in fondo anche a volere (ri)definire e (ri)dire cosa si può intendere per testo installativo.

Un testo che non chieda necessariamente una lettura lineare. Un testo in cui l’impatto visivo configura già un oggetto estetico verso cui il lettore può dirigere uno sguardo non necessariamente analitico, geometrizzante, decrittante. Un testo che può indurre analisi e esplorazione minuta e che tuttavia persuade anche prima che questa si compia. Eccetera.

Più delle parole valgono gli esempi. Varie volte ho fatto quello de Il dramma della vita, di Valère Novarina, tradotto da Andrea Raos e uscito prima in Nazione indiana e poi in gammm. Qui il testo perfettamente leggibile eccede — per accumulo e ossessione elencativa felicissima quanto spiazzante e sfiancante — le possibilità e qualsiasi buona volontà di un classico ‘lettore lineare’, di ogni lettura sequenziale.

Un altro esempio potrebbe essere l’anonimo Abacuz pubblicato in marzo su http://hotelstendhal.blogsome.com: clic su http://www.box.net/shared/ohduc7zh3q. Ovviamente il dato installativo-visivo è totalizzante, in questo caso. E, prima ancora, spicca in primo piano (escludendo altri piani) il fatto che il meccanismo in gioco sia puramente ottico, ininterpretabile: accumulo da vedere, installazione senza alternative. O meglio: installazione dell’idea stessa di installazione.

Infine, si può pensare al “solid language” di Veil, di Charles Bernstein, uscito nel 1976 e leggibile online qui: http://epc.buffalo.edu/authors/bernstein/books/veil/index.html (nonché acquistabile come libro da Xexoxial Editions a questo indirizzo: http://xexoxial.org/is/veil/by/charles_bernstein)

*

bernstein_veil

_

Vassilakis, Notley, Mittenthal, Bernstein, and more: BOOKS!

ricevo e volentieri diffondo :

Dear Friends of Authors, Dear Readers:

The following books and chapbooks will be coming out this spring, 2010:

Nico Vassilakis, Diesel Hand

Robert Mittenthal, Wax World

Barbara Henning, Cities and Memory

Alice Notley, Reason and Other Women

Charles Bernstein, Umbra

Anne Waldman, Matriot Acts

Tenney Nathanson, Ghost Snow Falling in the Void (Globalization)

and you can help. Chax Press is supported by government grants, book sale revenue, private foundation grants, and donations from individuals. The largest and most important of these amounts: donations from individuals. We could not publish books without help from people like you.
Please choose to specifically support one (or more) of these books through a targeted donation. To do so, please visit the book sponsorship page on the Chax Press web site at

You may choose to support the full costs of a book, or various partial costs, or simply to give in any amount you choose. NO DONATION IS TOO SMALL!
In addition, on this page you will also find opportunities to support books by Robert Mittenthal, Nico Vassilakis, and Will Alexander. We will also soon be adding more opportunities to lend your important support to other books by Leslie Scalapino, Jonathan Stalling, Andrew Levy, Joe Amato, Alan Loney, Standard Schaeffer, Mark Weiss, and more.
Thank you for choosing to support a book by one of your favorite authors; thank you for supporting Chax Press.