in margine a un’ennesima ennesima ennesima ennesima ennesima ennesima ennesima ristampa di Neruda

continua la rincorsa dell’editoria italiana alla retorica del ’900. retorica sempre afferrata, sempre mostrata (ed) evidente, ma (anzi: di conseguenza) evidentemente sempre vendibile e venduta.

il successo e loop e trip di Neruda “significa” e per certi aspetti anche “determina” concretamente (distributivamente) l’insuccesso anzi il decesso della scrittura di ricerca, in lingua spagnola come nelle altre lingue.

l’italia è un paese di bande e fanfare, la complessità orchestrale non fa per lei.