Auguri dal Centro di Cultura Ecologica

*

Si conclude un anno complicato anche per il Centro di Cultura Ecologica, un anno caratterizzato ancora da una grande incertezza sulle sorti del Casale ALBA 3. Tuttavia, abbiamo cercato di mantenere attivi tutti i servizi che in questi anni il Centro ha fornito ai cittadini.

La Sala Lettura è ormai un punto di ritrovo per molti studenti. Abbiamo riparato l’impianto di riscaldamento e una porta di sicurezza e abbiamo portato una macchina per il caffè.
Piccole cose viste da fuori, ma essenziali per rendere più confortevole e piacevole “venire a studiare nel Parco”.
Per il prossimo anno vorremmo aumentare il numero di postazioni di studio, il numero di ore di apertura e – importantissimo – la nostra dotazione bibliotecaria.

Piccole cose, si diceva. Ma in un momento nel quale la scuola pubblica è umiliata e offesa e i politici si affannano a dichiarare che “con la cultura non si mangia”, creare un polo di cultura a disposizione dei cittadini ci sembra una “missione” quantomai utile. E orgogliosamente in controtendenza!

Anche su un altro piano cerchiamo di essere in controtendenza, cioè raccogliendo e riordinando la memoria storica di un capitolo importante della vita della nostra società: i movimenti ambientalisti. E’ il lavoro che facciamo attraverso il nostro Archivio Ambientalista, lavoro poco appariscente fatto di passione, grande competenza scientifica e carte polverose. Lavoriamo per ricostruire i fili di un pensiero che riteniamo attuale e che ha saputo sviluppare negli scorsi decenni una critica originale all’attuale modello di sviluppo. Fa parte di questo lavoro, oltre al riordino dei fondi archivistici, il database che ci accingiamo a mettere in rete nelle prossime settimane e che ci consentirà di ricostruire la prima mappa completa della distribuzione della documentazione delle Università Verdi (già, chi ricorda più l’esperienza delle Università Verdi?).

E poi ci sono le attività all’aperto, al sole. Il MercatoBio ha svoltato la boa del primo anno e si è “duplicato”: il terzo sabato del mese al Centro di Cultura Ecologica e il primo sabato al Casale Podere Rosa. Anche questa è stata una bella scommessa, che fa sì che oggi il MercatoBio sia un appuntamento particolarmente apprezzato dai cittadini, nel quale si incontrano produttori e consumatori anche per scambiarsi idee e far vivere, in piccolo, “un altro modo di fare la spesa”.

Da ricordare poi il “regalo” che abbiamo fatto ai cittadini, invitandoli nel mese di settembre ad un affollatissimo incontro con il grande regista inglese Ken Loach e con la musicista irlandese Kay McCarthy.
Il Grande Cinema non è solo Venezia, Torino o l’Auditorium di Roma, può anche essere … Casal de’ Pazzi, se si ha la sensibilità e la voglia di tenere spenta la TV, in una serata di fine estate!

Questo è quanto stiamo facendo, anche grazie alla collaborazione con il Municipio V, e per il 2011 abbiamo tutte le intenzioni di continuare!

Auguri di buon anno !

Chiusura festiva dal 23 dicembre al 4 gennaio.
Riapriremo mercoledì 5 gennaio 2011
Veniteci a trovare,
il mercoledì (9,30-18,30), il venerdì (9,30-16,30), il sabato (9,30-18,30).