Per richieste

criterio dei vetri, Oèdipus, collana “i megamicri”, n.7, Salerno, dicembre 2007
[Postfazione di Cecilia Bello Minciacchi]
ISBN10 = 88-7341-121-5, ISBN13 = 978-88-7341-121-5, pp. 104, euro 7.50

read some excerpts / leggi alcuni testi [pdf 70 Kb]

buy / acquista

 

 

LA CASA ESPOSTA. Soluzioni e dissoluzioni di luogo (1996-2007),
Le Lettere, collana FuoriFormato, n.10, Firenze, ottobre 2007
[Prefazione di Antonella Anedda. Postfazione di Cecilia Bello Minciacchi. Fotografie dell'A.]
ISBN 978-88-608-7102-6, pp. 168, Euro 20.00

read some excerpts / leggi alcuni testi

buy / acquista

 

 

numeri primi, Arcipelago, collana ChapBook, n.5, Milano, novembre 2006
ISBN 978-88-7695-345-0, pp. 36, Euro 3.00

read some excerpts / leggi alcuni testi

buy / acquista

 

 

Altre ombre, Poesie 1996-2000, La Camera Verde, Collana Stalker, Roma, settembre 2004.
[Postfazione di Roberto Roversi. Con una fotografia di Francesca Vitale]
pp. 40, euro 7.00

read some excerpts / leggi alcuni testi

buy / acquista

 

* * *

 

per ordini diretti: mg_img [at] yahoo [dot] it

 

nouvelle poésie italienne

LE CENTRE D’ÉTUDES POÉTIQUES DE L’ENS LSH, EN COLLABORATION AVEC L’INSTITUT DE CULTURE
ITALIENNE DE LYON ET LE FESTIVAL LA POÉSIE / NUIT, PRÉSENTE :

NOUVELLE POÉSIE ITALIENNE
NUOVA POESIA ITALIANA

Date : mercredi 5 mars 2008

Horaires : 14h-17h

Lieu : Salle F101 – Ecole Normale Supérieure LSH – 15 parvis René Descartes – 69007 Lyon
/ FRANCE

*

Cinq poètes romains liront leurs textes et parleront de leur expérience d’écriture :

Elisa Davoglio
Marco Giovenale
Giulio Marzaioli
Lidia Riviello
Michele Zaffarano

Avec la participation de :

Jean-Marie Gleize (Centre d’Études Poétiques)
Benoît Auclerc (Centre d’Études Poétiques)
Alessandro De Francesco (Centre d’Études Poétiques)
Noura Wedell (Centre d’Études Poétiques)
Fabio Zinelli (critique littéraire, Université de Sienne / École Pratique des Hautes
Études)
Continue reading

Metropolitan Transit – by Greg Fuchs

Metropolitan Transit
by Greg Fuchs
(published by isabel lettres)

Saturday February 23, 2008
12 PM- 2 PM
@ Bowery Poetry Club
 (Bowery btw. Bleeker & Houston)
Free!

with readings by:
Anselm Berrigan
Stacy Szymaszek
Stephanie Gray
Denize Lauture
Michele Madigan Somerville
Antonino D’Ambrosio
John Coletti
Chris Martin
erica kaufman
Greg Fuchs

***
“there is only seeing and, in order to go to see, one must be a pirate”

~kathy acker

Una lettera – da/per MicroMega

ricevo e diffondo:

 

Carissime amiche, carissimi amici,

sono Cinzia Sciuto, la redattrice di MicroMega che si è occupata della petizione “Liberadonna” (www.firmiamo.it/liberadonna).
Innanzitutto volevo ringraziarvi per aver sostenuto QUESTO APPELLO: in pochi giorni abbiamo superato le 34 mila firme nonostante il silenzio pressoché totale dei grandi mezzi di comunicazione (che invece non esitano a dare ampio spazio ai sostenitori della “moratoria” sull’aborto).
L’appello che avete sottoscritto aprirà un numero speciale di MicroMega, che sarà in edicola dal 29 febbraio e il cui titolo è “Il papa oscurantista. Contro le donne, contro la scienza”. In una prossima comunicazione vi invierò la copertina e il sommario completo del numero.

Oggi vi scrivo perché noi non vogliamo mollare, non vogliamo abbassare la guardia. Ma abbiamo bisogno dell’aiuto di ciascuno di voi. Probabilmente l’avrete già fatto, ma vi invito a divulgare il più possibile questo appello tra le vostre amiche e i vostri amici in tutte le forme che ritenete più opportune. Fate loro capire che, se riusciamo a sfondare il muro del silenzio, possiamo ancora bloccare questa nuova offensiva contro le donne, che altrimenti rischia di essere vincente. Da parte nostra, continueremo a diffondere l’appello e stiamo anche valutando l’ipotesi di organizzare iniziative pubbliche (magari per l’8 marzo, perché no?). Se avete poi altri suggerimenti su come promuovere l’appello, scriveteci pure (redazione [at] micromega [dot] net): non garantiamo una risposta a tutti, ma assicuriamo che tutte le vostre mail saranno lette e i vostri consigli presi in considerazione.

Poiché, per la legge che tutela i dati personali, noi non abbiamo accesso diretto ai vostri indirizzi e-mail, per continuare ad essere aggiornati sull’andamento dell’appello e sulle iniziative di MicroMega, vi pregherei di iscrivervi alla nostra newsletter seguendo questo link: http://login.kataweb.it/login/newsletter/login.jsp?newsletter=micromega.

Grazie ancora a tutte e tutti,
contiamo su di voi!

un caloroso saluto
Cinzia Sciuto

 

Promemoria: da oggi a Reggio Emilia: EMILIO VILLA

Emilio Villa

poeta e scrittore

*

Reggio Emilia, Chiesa di San Giorgio

24 febbraio – 6 aprile 2008

Inaugurazione: 23 febbraio, ore 18:00

Conferenza stampa di presentazione

lunedì 18 febbraio 2008, ore 11.30

Milano, Fondazione Antonio Mazzotta

Foro Buonaparte 50

*

Dépliant: pdf 220 Kb

 

 

 

L’Assessorato Cultura e l’Assessorato Città Storica con le Istituzioni Culturali del Comune di Reggio Emilia (Biblioteca Panizzi e Musei Civici) e con il sostegno di CCPL (gruppo industriale cooperativo) promuovono un progetto di ampio respiro sull’opera e sulla figura di Emilio Villa, con il proposito di rendere omaggio ad uno dei protagonisti più significativi e originali della cultura italiana del Novecento.

La mostra, ideata e curata da Claudio Parmiggiani, si fonda sull’esigenza di riconoscere finalmente, in tutta la sua importanza, il grande debito che la cultura italiana ha nei confronti di Emilio Villa, il cui contributo intellettuale, sempre al di fuori di qualsiasi schema o classificazione, ha lasciato segni profondi nella poesia, nell’arte e nella letteratura del nostro tempo. Continue reading

Emanuela Salti / mostra a Roma, 23 febbraio

E M A N U E L A S A L T I

i l m e s e d e l l a f o t o g r a f i a

inaugurazione sabato 23 febbraio 2008, ore 18.00

con presentazione del libro Fuoco notturno (Serarcangeli Editore) di Emanuela Salti e Francesco Zicari

la mostra resterà aperta fino al 7 marzo dal martedì al sabato 10.30 – 20.00

domenica 11.00 – 18.00

s.t. foto libreria galleria inaugura una nuova sala del proprio spazio espositivo con una personale della fotografa romana Emanuela Salti.

La mostra presenta per la prima volta al pubblico, nella sua compiutezza, un progetto del 2002, sviluppato seguendo una metodologia giocosa quanto rigorosa: per un mese Emanuela Salti si è impegnata a scattare, nell’arco delle 24 ore, un rullino fotografico a colori, producendo quindi ogni giorno, per trenta giorni, 36 immagini diverse. Volgendo il suo sguardo sull’universo quotidiano, ha volutamente utilizzato una pellicola non professionale e ha scelto il fuori fuoco come chiave privilegiata di approssimazione al reale. Qual’è il senso di questo rituale? Se la negazione del fuoco fotografico annulla la più immediata riconoscibilità della scena familiare, attraverso questo disconoscimento del quotidiano è possibile attivare un nuovo percorso di avvicinamento alla trama simbolica delle cose, come osserva la fotografa stessa: “Un oggetto spostato oltre le tracce della propria funzione genera talvolta un fenomeno di risonanza in chi guarda. Il proposito è quello di esaminare i richiami della memoria, partendo da un indizio apparentemente estraneo all’esperienza individuale, che però attinge a un bagaglio comune; per evocare ricordi o suscitare aspettative”.

Delle oltre mille foto scattate in quel mese di lavoro, Emanuela Salti ha quindi selezionato e stampato cinquanta immagini di piccolo formato, che hanno dato vita a due diverse ipotesi di montaggio, entrambe proposte in mostra: da una parte le opere a parete, dove le fotografie vivono singolarmente, ma anche in composizioni di due o tre scatti; dall’altra l’album fotografico: un libro d’artista esternamente non dissimile a un anonimo portfolio, ma custodito e oggi riproposto da Emanuela Salti come un racconto in prima persona su quel mese della fotografia.

Alcune di queste foto, insieme ad altre tratte dalla serie Giardini (del 2004), sono confluite poi in un ulteriore progetto di riscrittura: un lavoro a quattro mani, con Francesco Zicari, in cui parola e immagine si incontrano in un territorio simbolico affine. E’ nato così il volume Fuoco notturno, pubblicato di recente per le edizioni Serarcangeli, che ospita anche un intervento critico di Alberto Manodori Sagredo, docente di Storia e Tecnica della fotografia all’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”.

In occasione dell’inaugurazione della mostra, sarà possibile acquistare il libro insieme a una stampa fotografica firmata.

s.t. foto libreria galleria via degli ombrellari, 25
00193 Roma
tel/fax +39 06 64760105
info@stsenzatitolo.it
www.stsenzatitolo.it

Esce la ristampa di “Dalle memorie di un piccolo ipertrofico”

Cari amici,

come forse già sapete, il 4 febbraio è uscita in libreria la nuova edizione di un libro importante e fino a oggi introvabile, Dalle memorie di un piccolo ipertrofico di Tommaso Ottonieri. Edizione che, dopo un lungo lavoro redazionale e grazie al coraggio dell’editore No Reply, abbiamo inserito nel catalogo della collana Maledizioni, raggiungendo così il sesto titolo. L’impresa, nella cui necessità crediamo moltissimo, è finalmente giunta in porto, e adesso ha un esagerato bisogno di vivere e diffondersi il più possibile. Non disponiamo di risorse mediatiche straordinarie e, benché agguerriti, siamo pur sempre piccoli e pochi. Per questo chiediamo il vostro aiuto, la vostra partecipazione, e ci appelliamo agli entusiasmi che covate con perfida voluttà nelle fantasie libresche dei vostri cuori. Qualunque tipo di contributo potrà rivelarsi prezioso, quindi scriveteci, contattateci, comprateci, consigliateci, rubateci, fateci, e infine ricomprateci: il libro è qui, tutto per voi. E noi siamo con lui.

Grazie a tutti

Sparajurij Lab

 

www.myspace.com/piccoloipertrofico

www.sparajurij.com

www.noreply.it

 

Un appello di MicroMega

Ricevo, accolgo, sottoscrivo, sostengo, rilancio:

Caro Veltroni, caro Bertinotti, cari dirigenti del centro-sinistra tutti,

ora basta!

L’offensiva clericale contro le donne – spesso vera e propria crociata bigotta – ha raggiunto livelli intollerabili. Ma egualmente intollerabile appare la mancanza di reazione dello schieramento politico di centro-sinistra, che troppo spesso è addirittura condiscendenza.

Con l’oscena proposta di moratoria dell’aborto, che tratta le donne da assassine e boia, e la recente ingiunzione a rianimare i feti ultraprematuri anche contro la volontà della madre (malgrado la quasi certezza di menomazioni gravissime), i corpi delle donne sono tornati ad essere “cose”, terreno di scontro per il fanatismo religioso, oggetti sui quali esercitare potere.

Lo scorso 24 novembre centomila donne – completamente autorganizzate – hanno riempito le strade di Roma per denunciare la violenza sulle donne di una cultura patriarcale dura a morire. Queste aggressioni clericali e bigotte sono le ultime e più subdole forme della stessa violenza, mascherate dietro l’arroganza ipocrita di “difendere la vita”. Perciò non basta più, cari dirigenti del centro-sinistra, limitarsi a dire che la legge 194 non si tocca: essa è già nei fatti messa in discussione. Pretendiamo da voi una presa di posizione chiara e inequivocabile, che condanni senza mezzi termini tutti i tentativi – da qualunque pulpito provengano – di mettere a rischio l’autodeterminazione delle donne, faticosamente conquistata: il nostro diritto a dire la prima e l’ultima parola sul nostro corpo e sulle nostre gravidanze.

Esigiamo perciò che i vostri programmi (per essere anche nostri) siano espliciti: se di una revisione ha bisogno la 194 è quella di eliminare l’obiezione di coscienza, che sempre più spesso impedisce nei fatti di esercitare il nostro diritto; va resa immediatamente disponibile in tutta Italia la pillola abortiva (RU 486), perché a un dramma non debba aggiungersi una ormai evitabile sofferenza; va reso semplice e veloce l’accesso alla pillola del giorno dopo, insieme a serie campagne di contraccezione fin dalle scuole medie; va introdotto l’insegnamento dell’educazione sessuale fin dalle elementari; vanno realizzati programmi culturali e sociali di sostegno alle donne immigrate, e rafforzate le norme e i servizi a tutela della maternità (nel quadro di una politica capace di sradicare la piaga della precarietà del lavoro).

Questi sono per noi valori non negoziabili, sui quali non siamo più disposte a compromessi.

Per sottoscrivere la lettera-appello: www.firmiamo.it/liberadonna

 

Il nuovo numero di “Qui”

È in stampa il nuovo numero di “Qui – appunti dal presente” (come al solito, avviseremo gli abbonati quando verrà spedito). A differenza dei numeri precedenti, è dedicato a un unico diario, il diario dalla Cina di Hao Wu, su cui intervengono, con riflessioni o poesie, Saverio Caruso, Andrea Inglese, Marco La Rosa e Giorgio Mascitelli.

Hao Wu, nato nel 1972 a Chengdu, nella provincia cinese del Sichuan, è un film-maker indipendente, tornato a Pechino dopo avere vissuto dal 1992 al 2004 negli Stati Uniti. Il pomeriggio del 22 febbraio 2006 è arrestato da agenti della Sicurezza di Stato. Di che cosa sia accusato non viene detto. Viene liberato, dopo quasi cinque mesi, l’11 luglio 2006.

Se desiderate ricevere questo numero, fatemelo sapere. Il suo costo è di 10 euro, mentre il costo dell’abbonamento a 3 numeri è di 25 euro. Un caro saluto,

Massimo Parizzi

massimoparizzi [ at ] alice [ dot ] it

Promemoria: oggi: “Prime” di G.Frasca (Luca Sossella Editore)

Oggi, mercoledì 20 febbraio 2008

presso la Fondazione Adriano Olivetti

via Zanardelli 34
00186 Roma

Alle ore 18:00

Nadia Fusini e Alberto Abruzzese

presentano

Prime
Poesie scelte 1977-2007

di

Gabriele Frasca

*

luca sossella editore
via Zanardelli 34
00186 Roma
vox 0668309494
fax 0691272161

http://www.lucasossellaeditore.it